lunedì 10 settembre 2018

COSA INTENDO QUANDO PARLO DI INTUITO, MAGIA E POTERI



Ci sono dei termini che uso spessissimo quando scrivo e quando parlo con le mie clienti: intuito, magia (guarda caso le mie parole dell'anno del 2017 e del 2018), potere e credo valga la pena provare a spiegare meglio il significato che hanno per me queste parole soprattutto perché, nel linguaggio comune, possono assumere tante sfumature diverse.

Quando parlo di intuito intendo quella parte di noi che sa sempre cosa è giusto, che attraverso sensazioni soprattutto fisiche, ci lancia dei messaggi e ci fa percepire cose che la nostra mente razionale non è in grado di cogliere. Sensazioni sottili come: “di questa persona sento che posso fidarmi, anche se non la conosco”, oppure “questa proposta è fantastica ma sento che devo dire di no” o ancora “lasciare il lavoro è folle ma qualcosa mi dice che devo farlo”.
Sono sicura che tutti noi, più o meno intensamente ci siamo trovati a percepire sensazioni del genere, magari senza tradurle in parole, ma avvertendo come un'illuminazione, una consapevolezza che arrivava da chissà dove.
Quella consapevolezza deriva dalla nostra saggezza interiore, una specie di eredità spirituale degli antenati, che portiamo dentro.
Come puoi immaginare si tratta di un modo diverso di vivere le situazioni, più aperto ai messaggi dell'Universo e dell'anima che, se affiancato a quello razionale, può davvero diventare un potente aiuto nella vita quotidiana, nelle relazioni, nel lavoro, aiutandoci a percepire, a sentire oltre che a razionalizzare.
Se ascolti l'intuito hai due prospettive da cui valutare la realtà che vivi e che ti circonda: quella razionale, che usi sempre, e quella intuitiva per dargli profondità.

Spesso sento dire dalle mie clienti che non sono intuitive o che non si fidano del loro intuito. Se ti senti così anche tu, sappi che l'intuito è un dono comune, tutti noi lo possediamo, anche tu ma magari lo hai tenuto in silenzio per così tanto tempo da dimenticartene. Capita a molte persone credimi, ma si può rimediare iniziando ad allenarlo come un muscolo e ricominciando a dialogare con esso.
Se non sai come fare, munisciti di un bel mazzo di carte o Tarocchi e inizia da qui:




Il termine che però merita di essere maggiormente chiarito, almeno in questa sede, è magia.
Non voglio dire che esista un significato giusto e altri sbagliati per questa parola ma ci tenevo a spiegare il significato che do io, sia quando scrivo che quando ne parlo nelle mie sessioni.
In letteratura e, nella maggior parte dei casi, anche nel sentire comune, la parola magia viene associata a mondi surreali e fantastici, a capacità occulte e soprannaturali riservate solo a pochi eletti.
Spesso si da anche un'accezione negativa a questo termine, quando lo si usa come sinonimo trucco, incantesimo, incantamento, inganno, manipolazione della realtà (senti come suona male “manipolazione”).
C'è indubbiamente un alone di preconcetti, schematismi e superstizione intorno a questa parola usata e abusata. Ecco perché tengo molto a spiegare come la intendo.

Per me la magia è il nostro potere personale, la capacità che ognuno di noi ha, di modificare e migliorare la propria realtà e di crearne una a sua immagine, che rispecchi i suoi desideri.

Questo non avviene nell'immediato, con un colpo di bacchetta e tante scintille luminose, ma con il tempo, attraverso l'impegno costante, la volontà, l'uso delle proprie facoltà e la canalizzazione della propria energia.

E arriviamo così a cosa intendo, infine, per poteri, che spesso chiamo, proprio in relazione al mio concetto di magia, poteri magici.
Quando parlo di poteri magici non mi riferisco a facoltà soprannaturali riservate a pochi eletti o possibili solo nei romanzi fantasy, ma a tutte quelle facoltà, caratteristiche, capacità, abilità, competenze che ognuno di noi possiede e che può mettere in campo per raggiungere un determinato obiettivo, per ottenere un successo, per realizzare un sogno o un desiderio. Metterli in campo significa indirizzare queste facoltà verso quel determinato obiettivo o desiderio, come energie che lo alimentino e lo aiutino a crescere e a diventare realtà.
E qui il cerchio si chiude: i poteri magici che sono capacità, ci aiutano a realizzare ovvero a far diventare reale un desiderio e dunque a creare la realtà che desideriamo: abbiamo compiuto la magia!

E tu conosci i tuoi poteri? Se credi di non averne molta consapevolezza ti lascio alla lettura di questo post.

Nessun commento:

Posta un commento