lunedì 11 giugno 2018

IL DIARIO LUNARE: FASI E CONSAPEVOLEZZA



Avrai sicuramente sentito parlare spesso del diario lunare; quando ci si addentra nel tema della Luna e di come essa influisca sulle nostre vite, è quasi inevitabile incontrare questo argomento.
Il diario lunare è un diario vero e proprio in cui scrivere tutto quello che riguarda la nostra vita, ma in ottica ciclica, ponendo cioè attenzione alle fasi lunari e a quello che, in corrispondenza di ognuna di esse, si ripete nei vari mesi.

Tenere un diario lunare serve per aumentare la nostra consapevolezza rispetto alle energie che abbiamo e a come sfruttarle al meglio, nonché rispetto al loro livello, per agire di conseguenza.
La massima efficacia, in aumento di consapevolezza, la si può ottenere se, oltre a sensazioni e avvenimenti vari della vita, si aggiungono al diario anche informazioni e considerazioni sul ciclo mestruale. 
Come ti accennavo nel post di lunedì scorso, infatti, il ciclo lunare ha tendenzialmente la stessa durata del ciclo femminile, sono lo stesso ciclo.
Monitorare il nostro ciclo mestruale e il suo andamento rispetto a quello lunare ci permetterà di raggiungere una maggiore consapevolezza del nostro potere femminile e di tutte le possibilità che esso ci offre, che spesso nemmeno vediamo, proprio per cominciare a vederle e a sfruttarle a nostro favore.

Ogni fase lunare influisce in maniera particolare sul nostro fisico, le nostre energie, il nostro umore, che cambiano in fase di luna piena, luna calante, luna nuova e luna crescente.

Cominciando a scrivere nel diario lunare le sensazioni che proviamo ogni giorno e ricollegandole alla fase lunare del momento, ci sarà possibile capire esattamente in che modo quella fase influisce sulla nostra vita e quindi anche come armonizzarci con essa per trarne maggior beneficio.

Dopo almeno tre mesi di diario, potresti ad esempio notare che in fase di luna calante sei meno energica, che hai meno voglia di fare public relations, che trovi più soddisfazione a stare in casa a leggere un libro piuttosto che uscire con gli amici; che in fase di luna crescente ti senti invece molto attiva e creativa, ti vengono mille idee e vorresti svilupparle tutte; che in luna piena hai voglia di condividere e di stare con gli altri; potresti anche sentirti sopraffatta, inspiegabilmente agitata o stanca  e così via.
Di conseguenza cercherai, per quanto possibile, di organizzare i tuoi impegni in relazione al tuo livello energetico. Per semplificare molto: non programmerai un impegno gravoso che richiede tutta la tua energia in luna calante se questa ti spinge al riposo e al ritiro, ma potrai programmarla in fase di luna crescente specialmente se avrai notato che questa fase ti elettrizza e ti rende infaticabile.


COME SARÀ IL MIO DIARIO, INIZIAMO INSIEME?

Iniziare un diario lunare è un momento magico. Se vuoi farlo anche tu bastano pochi passi: scegli un quaderno che ti piaccia particolarmente e inauguralo con un rituale. Puoi esporlo alla luce della luna per una notte o fumigarlo con il tuo incenso preferito.
È preferibile cominciare a scrivere sul diario lunare nel giorno di luna nuova ed essere costanti per almeno tre mesi per poter fare le prime osservazioni cicliche.
Guarda caso, questo mercoledì ci sarà luna nuova e sarà il giorno 13 del mese (come la rara tredicesima luna del calendario lunare). Non so a te, ma questi due elementi mi sembrano il connubio perfetto per iniziare finalmente e seriamente il mio diario lunare (avrai capito che la luna nuova è propizia a tutto ciò che inizia).
Visto che il diario lunare è qualcosa di molto personalizzabile ho pensato che nel mio voglio scrivere queste cose, te le elenco qui sotto così se ne hai bisogno, puoi trarre spunto per il tuo:


MATTINA:

  • giorno, fase lunare (per sapere in che giorno di lunare siamo, vai a questo link);
  • la carta del giorno. Da brava tarot nerd, non posso escludere i miei amati Tarocchi da qualsiasi tipo di diario. Stavolta però userò il mazzo Motherpeace che è molto legato al femminile e di forma tonda;
  • sonno e sogni (osservazioni sulla notte appena trascorsa).


DURANTE IL GIORNO, osservazioni e appunti su:

  • livello di energia fisica;
  • aspetto (capelli, pelle, viso, ecc.);
  • fame, inappetenza, voglie;
  • umore;
  • mente, idee, creatività;
  • attività quotidiane;
  • ciclo mestruale, ormoni;
  • intuizioni, segni, sensazioni di varia natura.


SERA:

  • diario della gratitudine (tre cose successe durante la giornata per cui ringraziare).


Questa voglio che sia la traccia del mio diario. È vero, possono sembrare tante cose, ma magari non avrò osservazioni da fare ogni giorno su ogni punto o magari un giorno vorrò scrivere tutt'altro.
Importante in una pratica come questa, come in tutte le pratiche di consapevolezza, è fare ciò che sentiamo e non legarci a schemi troppo rigidi.
I punti appena elencati, infatti, saranno per me una semplice traccia e, se intendi anche tu iniziare un diario lunare, ti consiglio di non pensare che sia un compito da fare bene come a scuola, ma di viverlo come una pratica a cui dedicarti per conoscerti meglio, porre attenzione su di te ed esplorare il tuo andamento senza sovraccaricarti ma sentendoti libera di seguire il flusso delle tue necessità ed emozioni.
Puoi prendere i punti elencati sopra come spunto per partire per poi sviluppare il diario lunare come più desideri.

E tu hai mai tenuto un diario lunare? Cosa c'è nel tuo? Se ti va raccontamelo nei commenti.

* * *

P.S. Oggi il mio blog compie un anno! 
Un anno davvero incredibile in cui tante cose sono cambiate, molte ne ho scoperte, ho fatto tante esperienze, incontrato persone speciali sulla mia strada e guarda caso (ma al caso ho smesso di credere da un pezzo) l'idea iniziale era proprio quella di scrivere quasi come in un diario, raccontando il mio viaggio magico di consapevolezza e ricerca di senso.
Oggi, che la consapevolezza è aumentata, è come se un ciclo si chiudesse e se ne aprisse uno nuovo (anche questo post che parla di fasi e di un "nuovo diario" ne è un chiaro segno) in cui voglio fare lo scatto successivo: portare a un livello più alto la mia vita e scoprire come posso aiutare altre persone a fare lo stesso.
Se vuoi continuare a seguirmi in questo viaggio e nella sua seconda fase, iscriviti anche alla mia newsletter, lì è come chiacchierare fra amiche, quelle speciali a cui racconti proprio tutto e per prime ;-)

QUESTO è il link per iscriverti, ti aspetto!
Momento amarcord: se vuoi leggere il mio primo post, lo trovi QUI.



4 commenti:

  1. Auguri e complimenti,il diario lunare mi sembra tanta roba ma chi non ha più ciclo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, sicuramente ne parlerò ancora a distanza di qualche mese per raccontare come va con questa pratica. Anche chi non ha più il ciclo può scriverlo certamente. Si può prendere nota di come ci si sente a livello energetico, fisico e spirituale nell'arco delle varie fasi a prescindere dalla presenza delle mestruazioni. Anche questo momento di vita infatti, se ci pensi, fa parte del più ampio ciclo della vita :-)

      Elimina