lunedì 23 aprile 2018

COME CREARE UN ANGOLO PER LA MEDITAZIONE IN CASA



In queste settimane sto facendo molta esperienza con lo spazio, quello che ci circonda, in cui abitiamo, viviamo o trascorriamo la gran parte del nostro tempo.
Ho capito che almeno per me vale questa regola: ogni attività - o almeno quelle principali e quotidiane - per quanto possibile, deve avere uno spazio dedicato, in cui espletarsi e radicarsi.
Ho sempre desiderato praticare la meditazione in modo costante ma non mi è mai riuscito perché non avevo creato un posto preciso in cui farlo, per cui ogni volta si trattava di trovare in casa uno spazio tranquillo e perlomeno piazzare un cuscino comodo a terra, giusto l'essenziale.
Ma poi non riuscivo mai a rilassarmi veramente, a svuotare le mente: non sentivo la giusta energia.
Per me che sono una principiante in questa pratica, era necessario poter creare un luogo sacro adibito solo alla meditazione, che mi permettesse di entrare subito nel mood giusto.
È così che si è fatta strada in me, adesso che sono nella nuova casa e dispongo di uno spazio solo mio, l'idea di creare un angolo ad essa dedicato. Mi sono informata moltissimo su come crearlo e se anche tu desideri un posto in cui isolarti e meditare, in questo post ti racconto come ho fatto io, così potrai ispirarti anche tu per creare il tuo personale spazio meditativo.


LUOGO

Scegli un angolo tranquillo, che sia in camera da letto o nel tuo studio, l'importante è che non si tratti di un punto di transito o troppo frequentato della casa. Non è necessaria un'intera stanza, è sufficiente un piccolo angolo dove però è indispensabile potersi isolare.
Se però, durante la pratica quotidiana c'è la possibilità che qualcuno possa entrare nella stanza facendoti prendere un colpo perché tu nel frattempo sarai immersa nella meditazione, ti basterà per sicurezza attaccare un post-it alla porta in cui avverti che stai meditando e che non vuoi essere disturbata.


TAPPETO E CUSCINO

Per sederti a terra in maniera comoda avrai bisogno di un cuscino. Ne esistono alcuni tipi pensati apposta per la meditazione, che aiutano a mantenere una postura comoda per la schiena. Io ho scelto questo per le sue caratteristiche e il buon rapporto qualità prezzo:

  • è sfoderabile quindi si può lavare;
  • è realizzato in materiale biologico resistente: riempito con pula di farro bio sottoposta a uno speciale trattamento a caldo e particolarmente leggera, è ideale per qualsiasi posizione di seduta e aiuta a mantenere una posizione stabile e confortevole;
  • con un diametro di 35 cm e un'altezza di seduta standard di circa 15 cm è adatto per tutte le altezze, fino a 1,90 m. 
  • l'imbottitura è adattabile poiché il cuscino è fornito di una cerniera che ti permette, se vuoi, di togliere un po' di pula.
  • ci sono tantissimi colori tra cui scegliere.

In commercio esistono anche molti tappetini imbottiti appositamente pensati per lo yoga e la meditazione da abbinare al cuscino, ma sono utili soprattutto per aumentare il comfort se si fanno lunghe sessioni. Le mie durano circa 10 minuti quindi per il momento ho preferito usare un normale tappeto di cotone che avevo già in casa in modo da limitare un po' la spesa finale.
Col tempo se aumenterà la lunghezza delle sedute opterò per questo.


ELEMENTI NATURALI

Anche le piante sono un elemento essenziale in uno spazio di meditazione: il contatto con la natura è imprescindibile per creare la giusta atmosfera, riconciliarsi con se stessi e favorire il rilassamento.
Nella cultura orientale sono particolarmente apprezzate le piante sempreverdi come la felce e il ginepro bonsai. Oppure puoi scegliere una pianta verde tra quelle che hanno proprietà di purificare l'aria, come il ficus o la dracena.
Soprattutto però l'essenziale è che le piante che scegli debbano piacerti. Io ho scelto il bamboo e due bonsai: un ficus e un acero.
Puoi aggiungere a tuo piacimento altri elementi naturali come pietre, un vaso riempito d'acqua con dei fiori, una fontanella zen.


INCENSI, OLI ESSENZIALI E CANDELE

Da sempre l'incenso è legato indissolubilmente alla pratica della meditazione: pare che bruciare incenso attivi alcuni canali ionici nel cervello che alleviano l’ansia e la depressione. Alcuni aromi in particolare, sono in grado di rallentare la frequenza cardiaca e calmare i nervi, sciogliendo la tensione nei muscoli e favorendo di conseguenza il processo meditativo.
Quindi via libera agli incensi nel tuo angolo per la meditazione.
Puoi cercarli nei mercatini etnici, non hai che l'imbarazzo della scelta, oppure scegliere fra questi, questi e questi (che sono quelli che uso io) tenendo presente che:

  • l'incenso alla lavanda ha proprietà calmanti e rilassanti per corpo e mente;
  • quello al bergamotto è un toccasana se desideri scrollarti di dosso stress e preoccupazioni poiché agisce sul sistema nervoso rilassandolo e facilitando lo stato meditativo;
  • l'incenso al sandalo aiuta a contrastare l'agitazione e a raggiungere la calma interiore, stati di profonda concentrazione e chiarezza mentale;
  • la vaniglia concilia il sonno ed il riposo, poiché è un ottimo rilassante; riesce, inoltre, a diminuire la pressione sanguigna con un conseguente rilassamento fisico e mentale è quindi adattissimo alla meditazione a scopo rilassante;
  • l'incenso alla salvia è utilizzato per i rituali spirituali e per il bilanciamento;
  • l'incenso alla corteccia di quercia aumenta la forza interiore.

Puoi basarti su questa caratteristiche anche per la scelta di oli essenziali e candele profumate da usare durante la meditazione. Io sto usando una candela alla vaniglia.

Con questi piccoli accorgimenti puoi creare un angolo per la meditazione che ti permetta di praticarla con costanza e sentirne davvero i benefici. Naturalmente ti ho dato dei suggerimenti basici, poi starà a te personalizzare lo spazio con simboli, statuine, cristalli, colori, tessuti e tutto ciò che vorrai.
Che dici, ci provi? Poi fammi sapere com'è andata, ti aspetto nei commenti e nel frattempo, se ti va, vieni qui a sbirciare il mio!


Nessun commento:

Posta un commento