lunedì 18 dicembre 2017

TAROT AT WORK: INTERVISTA AD ANH THU NGUYEN

Foto tratta dal sito di Anh

Siamo al terzo lunedì del mese e, se mi segui da un pò sai che c'è l'appuntamento con donne speciali che usano nel loro lavoro i Tarocchi o le Carte Ispirazione.
Oggi ti faccio conoscere una vera forza della natura: Anh Thu Nguyen.
Anh è una coach davvero brava e coinvolgente, l'ho conosciuta grazie al web e mi ha trasmesso subito grande accoglienza, energia e un modo di fare frizzante e dolce allo stesso tempo.

Oggi sono felicissima di ospitare Anh nel mio blog perchè penso che sia una donna straordinaria, competente, divertente e piena di risorse che condivide con molta generosità.
Ad esempio ha un gruppo Facebook molto vivace che troverai alla fine del post e che è una risorsa davvero preziosa, ti consiglio di seguirlo specialmente se sei una donna che lavora in proprio e vuole costruire la sua indipendenza.
Nel suo lavoro Anh è un vulcano sempre in fermento e indovina un pò?  Usa Tarocchi e Oracoli per ispirare se stessa e le sue clienti. Vuoi scoprire come? Ecco la sua intervista.



Ciao e bentrovata! In questa intervista parleremo di lavoro e Carte di ispirazione/Tarocchi, quindi come prima cosa ti chiedo: per chi non ti conosce, di cosa ti occupi?

Ciao a tutte, mi chiamo Anh Thu Nguyen (anche se tutti mi conoscono come Anh perché il mio nome completo è assai complesso) e mi occupo di business coaching. Aiuto donne coach, consulenti e piccole imprenditrici a crearsi un’attività online e a far decollare il proprio business, unendo logica e struttura all’intuito e al sentire interiore.

Credo infatti che non siano solo le strategie (seppur importanti) a farci arrivare dove arriviamo, ma è sopratutto il modo con cui pensiamo, sentiamo e percepiamo a portarci dove desideriamo.


Che rapporto hai con il tuo intuito e con il mondo di ciò che non vediamo?

Sono sempre stata una persona molto logica, al contempo mi incuriosiva l’esoterismo e tutto ciò che non era subito comprensibile alla mente razionale.

Verso i 15 anni ho iniziato a interessarmi di Wicca e paganesimo, seguendo corsi di sciamanesimo, divinazione, armonizzazione con il divino femminile, ecc. Quando ho cominciato gli studi universitari ho però accantonato un po’ il tutto, credendo che fossero cose da adolescenti e che dovessi chiudere con quel mondo..

Mi sono ricreduta quando dopo aver studiato informatica ho deciso di intraprendere la strada per diventare formatrice e coach. Qui non c’erano strutture chiare né procedure predefinite. Soprattutto nel coaching, è importante riuscire a “danzare” con il cliente e seguire la voce dell’intuito.

Allora ho iniziato pian piano a rispolverare i miei vecchi interessi, tra cui l’uso di carte di ispirazione e Tarocchi.


Quando e come ti sei avvicinata ai Tarocchi/carte di ispirazione?

Interessandomi di Wicca e paganesimo, avevo iniziato a scoprire gli strumenti divinatori, fra cui le Sibille, gli I ching, le Rune e infine i Tarocchi. Di questi ultimi usavo solo gli arcani maggiori, applicando un metodo intuitivo che avevo imparato da una Sacerdotessa Wiccan italiana.

Utilizzando l’approccio che avevo appreso, mi piaceva il fatto che i Tarocchi non servissero per leggere il futuro, bensì per capire meglio il presente e le mille sfaccettature che si presentavano davanti a me. Per me erano quindi un potente strumento di introspezione.


Quali mazzi di carte usi e come li usi nel tuo lavoro? Li usi solo per te stessa o anche per le tue clienti?

Ho recentemente riscoperto la magia di questi strumenti di introspezione grazie al Coaching Game, un tool di formazione e coaching creato da Points of You, di cui sono formatrice certificata. Si tratta di un mazzo di 65 carte contenente fotografie unite a lettere e simboli, e si usano con dei “piani di gioco” diversi a seconda della situazione.

Ad esempio c’è il piano da gioco per ottenere maggiore consapevolezza su un momento presente, oppure di fronte a una scelta da compiere, o per approfondire la relazione con qualcuno, o per vedere lo sviluppo della propria linea temporale e molti altri ancora.

Uso spesso questo tool sia per me stessa, sia con i miei clienti, poiché permette di aprire gli orizzonti e vedere nuove prospettive che “arrivano da dentro”. Queste carte infatti non sono altro che uno specchio di ciò che abbiamo dentro di noi, ma che molto spesso non riusciamo a captare per via della confusione che c’è nella nostra testa.

Le immagini e le parole sulle carte diventano quindi lo spunto per un nuovo punto di vista, qualcosa di inaspettato e non ordinario, che aiuta la persona a uscire dai tradizionali schemi di pensiero. Questo gli dà la possibilità di avere più scelte, e quindi più libertà di fronte a una situazione magari conflittuale per la quale ora ha diverse soluzioni.


Dove possiamo trovarti on line? 

Mi trovate sul mio sito www.anh.coach e sul sito della mia scuola online www.smartwomen.academy, nonché su Facebook  e Instagram.

In particolare, se avete piacere a conoscere tante donne in gamba che lavorano nell’ambito della crescita personale, venite a trovarci nel gruppo Smartwomen Circle su Facebook.

Grazie Manuela per questo spazio, un grande abbraccio a te e a tutte le tue lettrici  <3
Anh


Bene, anche oggi abbiamo scoperto qualcosa di nuovo riguardo all'uso di carte e Tarocchi come il tool che ci ha segnalato Anh e che io trovo estremamente interessante.
Ringrazio tantissimo Anh per la sua disponibilità, per averci aperto il suo mondo e ispirato.



NB. La rubrica Tarot at work è mensile. Pubblico le interviste il penultimo lunedì del mese, se vuoi candidarti scrivimi pure a mail@kindofmagic.it
Ti aspetto!




Nessun commento:

Posta un commento